laletteraturaenoi

!-

diretto da Romano Luperini

-->
icomail twitter facebook
marcella

Alcune poesie da Ex-voto

8618279 2987759 Cari lettori e lettrici, la redazione di LN si prende una pausa estiva per tutto il mese di agosto. Durante questo mese, ripubblicheremo alcuni articoli già usciti nel corso dell’anno. Ci rivediamo a settembre.

a cura di Marianna Marrucci

A pochi mesi di distanza dal notevole Primine, punto d’arrivo importante della sua ricerca, nell’ultimissimo scorcio del 2017 Alessandra Carnaroli ha dato alle stampe ancora un nuovo libro, Ex-voto (Oèdipus edizioni). Per gentile concessione dell’autrice, ne pubblichiamo alcune parti: tre testi della serie intitolata Gavage e la parte conclusiva dell’opera. Al centro di questo nuovo lavoro di Carnaroli è la resa mimetica di una percezione straniata della malattia, della morte e della nascita, in una realtà in cui una invadente medicalizzazione e una perpetua condivisione social violentano le relazioni umane e svuotano il loro portato emotivo e intellettuale, generando analfabetismi sentimentali e paradossali forme di devozione religiosa. 

 

1.

Mia madre ha la

testa piccolina

di pera angelica

caduta sul letto

una piaga raccoglie

quello che una volta

era il sedere

ora decolla

la pappa

nel sondino di plastica

inghiotte

ogni cosa

come kirby

la sua pancia:

io sono il rappresentante

che prenderà

solo qualche istante

del suo assoluto niente

4.

Vado a comprarti la pappa in farmacia

mammina

che sei tornata

bambina

dalla mia pancia

solo

uno sforzo

per girarti

sul fianco:

è una questione di

addominali

pure

l’amore

figliale

la camicia da notte

leggera

lascia vedere

quello che c’è sotto:

due tettine

secche

due ghiandoline

come giuggiole

potrei

trovarti

il cuore

ad occhio

nudo

ma farebbe troppo male

da guardare

tipo

eclissi

solare

6.

Ora leggo dell’alimentazione

forzata per discus

criceti

oche

bestie malate

o da ingrasso

si chiama “gavage”

questa somministrazione di bolo unico

come uccello con uccellino

ricordo quando

eri tu a farmi l’aereoplanino col

cucchiaio

a dirmi mangia che ingrandisci come

fossi sotto una lente

a raccontarmi dei bambini africani

ridotti a scheletro

gonfiati dai vermi intestinali

sei diventata tu

la mia piccola negretta

però albina

potrei finirti

a colpi di machete

usare le tue dita

come erbette

per scacciare il malocchio

trasformarti

nel nuovo ritrovato

scientifico

contro la peste del millennio:

ricevere il successo

che merito

per averti

ridotto all’osso

***

Mio figlio sepolto sotto

metri di neve

neppure il cane

migliore amico dell’uomo

Fedele

lo stana

si salverà con acqua lete

mangiando monoporzioni di nutella

fruttini e fette biscottate

Aspettiamo il miracolo

un angelo a forma di nuvola

sopra l’hotel rigopiano

un soccorritore

anche nigeriano

***

La sacra sindone

di placenta

e vernice caseosa

sul mio petto                                        riconosco

labbra/ naso/spini 

Dopo che ti hanno

tolto

come da regolamento

per lavarti

L’informe capezzolo

già rosso

per il tentativo

maldestro di attaccarti

nel modo giusto                               gli tenga bene premuta la testa

                                                           contro il seno

                                                           che non soffoca

e prevenire le ragadi

                                                           Devo mettergli

                                                           un dito in bocca

                                                           per distrarlo

                                                           così da evitare che mi risucchi

                                                           ha detto l’infermiera

                                                           esperta : basta un quarto

                                                           d’ora a boccia.                                            

 Senza titolo

È quello che resta

del mio istinto

materno

oltre al bidone

dell’organico

tra le gambe

Domani

portiamo il ciondolo

unoaerre

alla madonna                                                        

                                                                a forma di bambino maschio

Vorrei adottarli

tutti questi bambini

infreddoliti

ai confini

Coi capelli uguali

al filo spinato

arrotolati

Dentro coperte

argentate

sembrano panini

Peccato solo

poi crescano

Come i cani

***

Piove

dove avevi

bagnato

E adesso siedi

accanto a dio nostro

padre

Doneremo il

respiratore

all’ospedale

I super pannoloni

agli anziani

Non ci resta che cambiare

la fiat doblò

per handicappati

con una mini

Senza titolo9999

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna